Poesie, filastrocche e conte per bambini

San Martino

San Martino

Oggi è San Martino ed ho recuperato questa poesia di Carducci che ne celebra la ricorrenza.

Da sempre ho sentito definire questa giornata come una “dell’estate di San Martino“, perché generalmente in questi giorni c’è un po’ meno freddo sebbene si sia già in autunno inoltrato e spesso circondati dalla nebbia.

Ho scoperto che questo giorno è di una certa importanza per gli agricoltori, perché definisce la fine del lavoro nei campi e l’inizio del travaso del vino dai tini nelle botti.

A casa mia si è sempre festeggiato San Martino, facendo gli gnocchi.

Non so se questa tradizione sia tipica solo della mia zona o se viene tramandata anche in altre parti.

Fammi sapere!

Ora bando alle ciance e ripassiamo la

Poesia San Martino di Giosuè Carducci

La nebbia a gl’irti colli
piovigginando sale,
e sotto il maestrale
urla e biancheggia il mar;

ma per le vie del borgo
dal ribollir de’ tini
va l’aspro odor de i vini
l’anime a rallegrar.

Gira su’ ceppi accesi
lo spiedo scoppiettando:
sta il cacciator fischiando
sull’uscio a rimirar

tra le rossastre nubi
stormi d’uccelli neri,
com’esuli pensieri,
nel vespero migrar.

San Martino – poesia

San Martino - poesia di Giosuè Carducci

Giochi e giocattoli dell'infanzia · I miei disegni · Ricordi del passato

Hula hoop

Hula hoop

In questi ultimi giorni, prima della fine della scuola, ricordo che iniziavo a pregustare le giornate intere da trascorre in cortile indaffarata a giocare con i tanti amici che venivano a farmi compagnia per diverse ore al giorno 🙂

Negli anni ’80 c’è stato un periodo in cui ha iniziato ad andare di moda giocare con l’hula hoop, un cerchio di plastica coloratissimo da far girare intorno alla vita con movimenti ritmici. Ovviamente, approdò anche a casa mia, merito di mia sorella che, amante della ginnastica e del movimento, se lo fece comprare di un bellissimo colore rosa fosforescente con le righe bianche. Devo ammettere che era brava, riusciva a farlo girare per diverso tempo senza farlo cadere. Inutile dire che io ero una negazione, così come in tutti gli sport e, soprattutto, nella pallavolo

Giochi in cortile

Quando stavamo in cortile per così tanto tempo ci alternavamo tra il gioco dell’elasticonascondinoruba bandiera, il salto della cordal’intramontabile gioco della campana o mondo e per qualche tempo anche con l’hola hoop.

Ad essere sincera con l’hola hopp ci giocavano solo le amiche più agili e che si destreggiavano a tenerlo in movimento per almeno qualche minuto, mentre le altre, me compresa, evitavano di sfigurare miseramente facendolo cadere per terra al primo tentativo.

Tu hai mai avuto un hola hoop? Riuscivi a farlo girare?

Gioco con l’hula hoop – illustrazione

Bambino che gioca con hola hoop - disegno