I miei disegni · Pensierini di oggi

Tre anni di pensierini e ricordi!

disegno tre cartelle per Tre anni di pensierini e ricordi

Oggi il blog I pensierini ritrovati nella mia cartella compie tre anni.

Sono molto felice di poter festeggiare ancora una volta questa ricorrenza, per me il 27 gennaio è una data da ricordare, perché mi fa rivivere l’emozione della pubblicazione di questo blog così ricco e carico di aneddoti personali che sono diventati pubblici.

Purtroppo nell’ultimo anno, per vari motivi personali, ho dovuto rallentare il ritmo di pubblicazione, ma spero di poter riprendere al più presto visto che i pensierini scritti sono oltre 300 e non sono ancora a metà dell’opera!

In questa giornata mi piace ripercorrere le sensazioni provate nel pomeriggio del 27 gennaio 2016 e quelle vissute durante tutto il precorso di pubblicazione negli anni successivi.

Leggendo il post  Un anno di pensierini e ricordi! puoi essere al mio fianco mentre digito il tasto pubblica per la prima volta con la mano tremante per l’emozione.

Nel post Due anni di pensierini e ricordi! puoi essere partecipe del mio percorso fatto passo dopo passo e scoprire i motivi per cui ho scelto di lanciarmi in questa avventura!

Spero che continuerai a seguirmi anche in futuro visto che ci sono ancora tanti aneddoti da poter rivivere insieme!

Ora è arrivato il momento di spegnere le tre candeline e di fare un brindisi!

Come sempre ti rinnovo l’invito ad osservare il mondo con gli occhi e lo stupore di un bambino!

A presto.

Susanna

Annunci
I miei pensierini delle elementari · IV elementare

Il cielo di questa mattina: osservazioni ed impressioni

Le condizioni meteorologiche sono sempre state molto gettonate e tra i temi più frequenti assegnati dalla mia maestra come oggetto dei pensierini da svolgere e, con quello di oggi, scritto in quarta elementare, ti faccio fare un salto nell’atmosfera invernale.

Noto che, nel susseguirsi dei pensierini, le mie impressioni e sensazioni sono quasi sempre le medesime: tristezza e noia per il clima freddo, autunnale e allegria, gioia per le giornate primaverili e estive.

Devo ammettere che tuttora provo le stesse emozioni 🙂 Penso di essere meteoropatica.

Il cielo di questa mattina: osservazioni ed impressioni – pensierino di quarta elementare

Il cielo di questa mattina è plumbeo, grigiastro e promette un temporale o una nevicata.

Io sarei felice se nevicasse, ma questo tempo mi dà noia, che non ci posso credere.

Il cielo dà l’impressione che l’inverso sia arrivato con la neve e la pioggia. Questo cielo avvolge tutto in una noia che non finisce più.

A me non piace questo tempo, perché c’è freddo e non si può giocare in cortile, perciò bisogna restare rinchiusi in casa.

Fidenza 14 dicembre 1984

Per altri pensierini sul tempo, puoi leggere:

Osservazioni e impressioni su Il cielo di questa mattina - pensierino di quarta elementare

Osservazioni e impressioni su Il cielo di questa mattina - pensierino di quarta elementare

 

I miei disegni · Pensierini di oggi

Buon Natale

Tra poche ore sarà Natale!

Voglio per farti i miei più sinceri auguri e, per l’occasione, ho scovato questo disegno che avevo fatto negli anni ’80 🙂

È un disegno semplice che credo rispecchi lo spirito più intimo del Natale e così spero che potrai anche tu trascorrere queste giornate vicino alla tua famiglia, ai tuoi cari senza dimenticare le persone più bisognose.

Oltre alle cose materiali credo ci sia bisogno soprattutto di umanità, sensibilità e spirito di condivisione per cui cerchiamo di elargire anche un po’ di calore e affetto.

È il terzo Natale che trascorriamo insieme, sono molto felice di continuare a condividere i miei ricordi e le mie emozioni di bambina. Spero di continuare e di riuscire a far riaffiorare ricordi e aneddoti simpatici e piacevoli anche a te.

Tanti pensierini in clima natalizio li ho già pubblicati, non mi resta che augurarti di trascorrere un sereno Natale e ricordati di continuare a viverlo con l’animo e lo stupore di un bambino!

Ecco qua il disegno del presepe fatto tanti anni fa 🙂

illustrazione di un presepe fatto da un bambino alle scuole elementari

Se ti va di immergerti nell’atmosfera natalizia attraverso gli occhi di un bambino, puoi leggere anche:

I miei disegni · Poesie, filastrocche e conte per bambini

È scesa la neve

Oggi mi sono svegliata e sono stata accolta dalla prima nevicata della stagione!

Aggiungiamoci che siamo in pieno clima natalizio, quale migliore occasione per rispolverare questa dolce poesia che coglie proprio la magia della neve!

Aggiungiamoci che abito in collina, direi che è proprio la poesia perfetta!

La foto che puoi vedere sotto è del panorama che mi fa compagnia dalla finestra di casa mia mentre sto scrivendo queste righe 🙂

Bene, è arrivato il momento di leggere la poesia di Gabriela Mistral che avevo studiato in prima elementare:

È scesa la neve – poesia di Natale

E’ scesa la neve
a visitare la valle.
Giunge senza rumore.
Così scendono i sogni.
Guardiamola scendere.
Ha dita così dolci,
così lievi e sottili,
che sfiorano senza toccare.

È scesa la neve - testo poesia di Mistral

Ma non è finita, qua sotto puoi ammirare il disegno che avevo fatto nel 1981 per immortalare l’essenza della poesia di Natale – È scesa la neve:

disegno poesia È scesa la neve di Mistral - illustrazione di prima elementare

Se ami il clima invernale e il freddo, puoi leggere anche queste poesie e filastrocche:

I miei pensierini delle elementari · III elementare

La fiera di San Donnino

Il 9 ottobre a Fidenza (ex Borgo San Donnino) è giorno di grande festa, perché si festeggia il patrono San Donnino.

In questo periodo che precede la ricorrenza il paese è tuttora animato dalla fiera.

Ci sono diversi stand, bancarelle, spettacoli, concerti e il luna park, gioia di tutti i bambini!

Quando andavo alle elementari, in questi giorni, ero intenta a scrivere pensierini sia sul patrono che sulla fiera. Ogni anno avevo l’occasione di descrivere tutto ciò che attirava la mia attenzione e di ripassare la storia del martire.

Oggi ti porto a passeggiare tra le bancarelle della fiera con un pensierino scritto in terza elementare:

La fiera di San Donnino – pensierino di terza elementare

Le giostre e le bancarelle si sono piazzate nel quartiere Luce.

Le bancarelle erano piene di abbigliamento, di giocattoli, di dolci, di uccellini…

C‘erano anche dei mobili, pentole di rame e altre cose, biancheria, c’erano musiche, gente che parlava, bambini che piangevano, gente che parlava ai microfoni.

Io e mia sorella siamo salite sulla giostra.

Mia mamma ha comprato un pesciolino arancione con il musetto nero.

Ho incontrato Paola con sua mamma.

A me la bancarella che mi ha colpita di più è stata quella degli uccellini, perché cantavano ed erano molto belli.

Fidenza 11 ottobre 1982

Ricordo che effettivamente la bancarella che vendeva gli animali attirava sempre la nostra attenzione, c’erano coniglietti, uccellini colorati (canarini, cocorite e pappagallini inseparabili), qualche serpente, iguana e gli immancabili pesciolini.

Generalmente mia mamma ci comprava almeno un pesciolino rosso che puntualmente dopo pochi giorni moriva… quindi ogni anno avevamo il pretesto di fermarci a vedere e a scegliere quale prendere.

Peccato avesse vita breve, speravamo sempre che ci facesse compagnia fino all’anno successivo… ma niente da fare 😦

Giunto a questo momento immagino che sarai curioso di conoscere qualcosa di San Donnino, ti accontento subito!

Puoi scoprire la storia di San Donnino, leggendo i pensierini scritti per l’occasione:

  • in seconda elementare, cliccando qui
  • in terza elementare, cliccando qui.

Se vuoi fare un altro giro per la fiera che anima il paese puoi leggere:

La fiera di San Donnino pag. 1- pensierino di terza elementare

La fiera di San Donnino pag. 2- pensierino di terza elementare

 

I miei pensierini delle elementari · III elementare

Il mio ritorno a scuola

Proprio come trentasei anni fa oggi è iniziato il nuovo anno scolastico e nel 1982 mi ritrovavo direttamente sul banco a scrivere il primo pensierino dedicato al rientro a scuola dopo le vacanze estive.

Leggendo queste righe mi trovo catapultata al primo giorno della terza elementare e mia sorella al suo primo giorno in prima elementare.

Nonostante l’emozione di questo frangente non aveva perso la sua voglia di stuzzicarmi

Ora bando alle ciance che la campanella sta per suonare e andiamo!

Il mio ritorno a scuola – pensierino di terza elementare

Il mio ritorno a scuola è stato allegro, perché c’era una bella giornata.

Io vedevo l’ora di essere a scuola insieme alla maestra e ai miei compagni.

Mia sorella quando facevo per alzarmi mi prendeva per le gambe e non potevo andare giù, dopo mi ha lasciato e si è svegliata anche lei.

Io ci sono venuta volentieri. Mi ha accompagnato mia mamma e mia zia, è venuta anche mia cugina e mia sorella.

Fidenza 17 settembre 1982

In questa occasione siamo partite da casa accompagnate da mia mamma e mia zia, ma nei giorni successivi ricordo che andavamo quasi sempre da sole visto che il tragitto da fare era breve e spesso passavamo a chiamare, sì proprio come si faceva una volta, suonando il campanello di casa, un’altra mia compagna di classe!

Ora sono curiosa di conoscere anche qualche tuo aneddoto sul primo giorno di scuola, come ti sentivi? Eri felice di rivedere i compagni e tornare alla quotidianità?

Il primo giorno di scuola - pensierino di terza elementare

Il mio ritorno a scuola - pensierino di terza elementare

#scuola

#ipensieriniritrovatinellamiacartella

Pensierini di oggi

Ricordi della scuola elementare anni ’80

Oggi ho il piacere di condividere le gioie e i dolori (ma più dolori) della scuola elementare di Francesca Pola.

Sono sicura che l’ironia e la verve con cui scrive ti coinvolgeranno e non potrai che iniziare a seguire il suo blog La Ragazza Approssimativa.

Ora ti lascio tra i suoi ricordi:

Gioie e dolori (ma più dolori) della scuola elementare — La Ragazza Approssimativa

e spero vorrai condividerne anche qualcuno dei tuoi 🙂

 

Pensierini di oggi

Buone vacanze, estate 2018

In questi giorni non posso che augurarti buone vacanze!

Spero che abbia la possibilità di goderti un po’ di meritato riposo ovunque vada 🙂

Rispolvero per l’occasione questo pensierino per ricordarci del bambino che è in noi!

I miei pensierini delle elementari · III elementare

Vi presento la mia amica Silvia

Oggi ti presento una mia compagna di classe che, per tanti anni, ho frequentato anche fuori dalla scuola.

È sempre stata tra le mie amiche preferite infatti l’avevo già citata in questo pensierino e anche in questo!

Bene, ora te la faccio conoscere!

Vi presento la mia amica Silvia – pensierino di terza elementare

Silvia ha i capelli castani e ricciuti, sono sempre ben ravviati. Ha gli occhi un po’ verdi.

Adesso ha il raffreddore e a scuola tossisce sempre.

A scuola è brava.

Quando gioco con lei mi piace, perché è simpatica ed è ridicola quando ride.

Lei non è mai venuta a casa mia, ma ha detto che oggi dopo il catechismo viene.

E’ sempre elegante nel vestirsi. E’ bella e simpatica, è gentile.

I suoi stivali sono sempre lucidi come l’acqua.

Mi piace giocare con lei, perché inventa sempre giochi nuovi e divertenti.

E’ alta e magra, perché fa molto sport. E’ sempre allegra.

Una volta, mi ha detto: “La Barbara mi ha picchiato”. Faceva finta di piangere e mi abbracciava.

Fidenza, 3 dicembre 1982

Ricordo bene l’ultimo aneddoto descritto nel pensierino, praticamente voleva far ingelosire la sua amica del cuore che era Barbara…

A differenza mia ha sempre fatto molto sport, era brava sia nel nuoto che nella pallavolo, mentre io no…

Puoi leggere qua le mie disavventure sportive…

Per gli stivali lucidi come l’acqua, beh posso dire di essermi superata, un vero “lampo” da… poeta :))

Ora sono curiosa di sapere qualche caratteristica particolare o aneddoto curioso di qualche tuo amichetto o amichetta 🙂

Pensierino scritto in terza elementare negli anni '80

La mia amica - Pensierino scritto in terza elementare negli anni '80

#amica

#ipensieriniritrovatinellamiacartella

I miei disegni

La mia giostra preferita – Il calcinculo

Il disegno che puoi ammirare qua sotto è stato fatto quando ero in quarta elementare.

Mi rivedo intenta (e sbuffante) a fare il disegno come compito delle vacanze…

Sono sicura che scelsi il calcinculo solo perché è abbastanza semplice da disegnare, sicuramente non è mai stata la mia giostra preferita… anzi, ci sono andata pochissime volte! Il rischio di essere lanciata con un calcio troppo in alto non mi ha mai entusiasmato, mentre c’erano dei bambini e ragazzi che si divertivano un mondo a farsi lanciare per poter prendere il codino e vincere il giro gratis.

Se avessi disegnato veramente la mia giostra preferita avrei dovuto impegnarmi di più per fare l’autoscontro o il telecombattimento (aeroplanini) :), ma immagino che la voglia di fare i compiti delle vacanze estive non sarà stata al massimo per cui il calcinculo è stata la scelta più indolore 🙂

Tra l’altro l’avevo anche già disegnato come G di Giostra

Ora sono curiosa di sapere se anche tu chiami questa giostra calcinculo o in maniera diversa, scrivimelo nei commenti.

Se ti va di fare un giro sulle giostre, puoi leggere:

La mia giostra preferita – Il calcinculo

disegno giostra Calcinculo illustrazione di bambina delle scuole elementari

Se ti va, puoi vedere le altre mie “opere d’arte” disegnate nel periodo della scuola elementare: