Il mio babbo

L’altro giorno ti ho presentato mio papà con la descrizione fatta in un pensierino a marzo del 1982, dopo qualche mese è così:disegno delle elementari - Papà tornio 04 05 1982 - di Susanna Albini

Il mio papà si chiama Israele, ha 35 anni. I suoi capelli sono neri, gli occhi castani, è alto e magro.

Il mio papà ha l’hobby della caccia e di lavorare. Il mio papà è gentile e laborioso.

Certe volte è elegante e ben pettinato. Io al mio papà voglio tanto bene.

Delle volte ha la barba lunga. Una volta si è fatto venire i baffi, e la mamma gli diceva che se li doveva tagliare, un giorno si è deciso e se li è tagliati.

Il mio papà parla tanto con la mamma e io non posso mai parlare con lui.

Io penso che è molto felice, perché quando lavora canta sempre. Il suo lavoro è faticoso, perché deve stare attento, perché la vite può venire piccola, allora la deve gettare via.

Il mio papà lavora 8 ore, parte alla mattina alle 7 e 30, viene a casa alle 17 e 30.

Quando viene a casa è stanco, perché certe volte dice che gli fa male la schiena o le gambe, oppure le braccia.

Fidenza 18 maggio 1982

In questo caso la descrizione è rimasta simile, non ho cambiato papà nel giro di poco… Se vuoi controllare, puoi rileggere anche questo pensierino: il mio papà

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...