Giochi e giocattoli dell'infanzia · I miei pensierini delle elementari · Ricordi del passato

A cosa giochiamo? Nascondino!

Nascondino!

Un ricordo del gioco più classico di noi bambini: nascondino!

Ci giocavo ogni giorno nella bella stagione, a volte eravamo in una decina di bambini e trascorrevamo l’intero pomeriggio in cortile.

A casa mia (puoi leggere La casa dove abito) c’erano tanti posti diversi in cui potersi nascondere: tra l’altro anche la cantina e il solaio.

Un giorno successe un episodio incredibile: uno dei miei amici, per nascondersi, andò in casa, mentre noi eravamo tutti in cortile e, per fare tana libera tutti, si buttò giù dalla finestra della cucina.

Fortunatamente si calò dal piano rialzato, ma nello scendere si tagliò la testa ed iniziò a sanguinare… il bello è che non volle andare al pronto soccorso per non farsi sgridare dai suoi genitori…

Praticamente andò a casa per far finta di sbattere la testa sotto al tavolo di casa sua, così i suoi lo portarono all’ospedale ed il giorno dopo arrivò a scuola con i punti in testa…

Non era niente di grave!

Ripensando a quel che successe quel pomeriggio, mi viene da sorridere, ma sul momento andammo tutti un po’ in panico.

Ti è mai capitato qualcosa del genere?

Bambino che gioca a nascondino - foto di Susanna Albini

Se sei stanco di giocare a nascondino, puoi stare in cortile ancora un po’ a saltare con la corda, giocare con l’elastico, a ruba bandiera oppure al gioco della campana o mondo!

Annunci

9 risposte a "A cosa giochiamo? Nascondino!"

  1. mi ricordo il gioco del nascondino, della corda e della campana! mi ricordo anche una specie di incubo, almeno per me lo è stato, a casa di figli di cugini del mio papà, mi rincorrevano per giocare, ma io ero troppo piccola, 6 anni, loro qualche anno in più e mi fecero tanta paura che rimasi nascosta sotto ad un divano per più 5 ore, solo all’arrivo dei miei genitori sono uscita, anche se tutti mi chiamavano ed erano molto preoccupati……..ora sorrido ma quando si è piccoli è tutta un’altra storia!

    Piace a 1 persona

  2. Hai perfettamente ragione, ti capisco. Sono situazioni che vissute da bambini hanno un impatto molto diverso da quello che potrebbero avere ora e rimangono scolpite nella memoria. Io non sono mai stata brava con l’attività fisica e provo ancora il disagio di allora a ripensare a quando giocavo a pallavolo… Grazie per essere passata tra i miei ricordi!

    Mi piace

  3. Adoro i ricordi. Mi dispiace anche che i miei figli non li avranno perché fanno altro. Ma questo WE ero felice perché il più piccolo mi diceva “ma com’è è buono il profumo dell’erba appena tagliata”- perché mi riconosco anche in questo.

    Piace a 1 persona

  4. Anch’io amo i ricordi, credo riescano a dare sempre un’ancora emotiva, soprattutto quelli legati alle piccole cose! Magari i tuoi figli avranno ricordi diversi, l’importante è che imparino a soffermarsi sulle cose per tenersele dentro 🙂 Grazie di essere passata!

    Mi piace

  5. Ciao, fare danni è il lavoro dei bambini, l’importante è non farsi troppo male! Grazie di essere passata tra i miei ricordi, chissà che non ci sia anche occasione di conoscerti vista la vicinanza 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.