Fiat 500 – Ricordo del passato

Qualche giorno fa mi sono imbattuta in questo gioiellino, una bellissima Fiat 500 tutta ristrutturata e fiammante.

Ricordo che negli anni ’80, quando ero bambina, ce ne erano tantissime, di tutti i colori.

La 500 aveva un “rombo” inconfondibile, si poteva riconoscerla solo sentendone il rumore.

Ci sono salita solo in un paio di occasioni per brevi tragitti e i dettagli che mi hanno colpito maggiormente sono stati le impunture dei sedili e l’odore particolare dell’abitacolo, credo dipendesse dal materiale dei sedili stessi.

Un mio amico mi racconta spesso di viaggi quasi “leggendari” a bordo di una vecchia 500: le partenze per le vacanze al mare. Viaggi sulla Cisa in direzione Marina di Massa con l’auto carica di bagagli, idonei ad un soggiorno di un mese, quattro passeggeri a bordo e gabbietta con i canarini al seguito 🙂 proprio in stile Fantozzi 🙂

Hai vissuto qualche aneddoto particolare a bordo di una bella 500? L’hai mai avuta?

Fiat 500 - foto di Susanna Albini

#fiat

#500

#ricordodelpassato

#ipensieriniritrovatinellamiacartella

Annunci

Ieri dalla nonna

Ti ho già presentato i miei nonni che abitavano in campagna.

Oggi, con questo pensierino di seconda elementare, ti racconto un aneddoto vissuto quando, mia sorella Giovanna ed io, andavamo a trovarli.

Ci divertivamo a girovagare tra il cortile, i campi, la stalla ed il pollaio.

Nella stalla abbiamo avuto il piacere di fare la conoscenza di due nuovi arrivati…

E’ un episodio che abbiamo vissuto diverse volte nel corso del tempo ed ogni volta era un’emozione bellissima.

Vedere i vitellini appena nati, che a stento stavano in piedi, era troppo bello.

Hai avuto occasione di vederli o di vedere qualche altro animale appena nato?

Ieri alla mucca della nonna sono nati due vitellini sono bianchi e neri.

Io e mia sorella abbiamo pensato di chiamarli Susanna e uno Giovanni io e mia sorella gli abbiamo fatto bere il latte con il secchio.

Fidenza 1 settembre 1981

Ieri dalla nonna - disegno di Susanna Albini- I pensierini ritrovati nella mia cartella.wordpress.com

Ieri dalla nonna - pensierino seconda elementare di -Susanna AlbiniIeri dalla nonna - pensierino seconda elementare di -Susanna Albini

#vitellini

#nonna

#susannaalbini

#giovannaalbini

#disegno

#ipensieriniritrovatinellamiacartella

Noi che… – Non era domenica se…

Noi che... - Non era domenica... - I pensierini ritrovati nella mia cartella

Quando ero bambina, era tradizione che alla domenica, dopo essere stati a messa, mia mamma o mia papà prendessero un vassoio di paste per coronare il pranzo domenicale.

Entrare in pasticceria e sentire il profumo di dolci era già l’inizio della festa.

Le paste erano irrinunciabili, non potevano mancare e poi che bello aprire la carta e vedere i pasticcini di tanti colori e gusti.

Ognuno aveva possibilità di scegliere quello preferito, ma di cannoncini alla crema ce ne erano almeno uno a testa e, immancabilmente, tutti iniziavamo con quello.

Vuoi venire domenica a pranzo con la mia famiglia?

Leggi questo pensierino, ti ritroverai a tavola tra tante leccornie e, come dessert, potrai scegliere la tua pasta preferita 🙂

Anche nella tua famiglia vigeva questa tradizione? Magari vai ancora adesso a prendere le paste alla domenica?

Se vuoi rivivere altri noi che… puoi leggere:

#noiche

#anni80

#ricordidelpassato

#ipensieriniritrovatinellamiacartella

Il gioco dell’elastico anni ’80

Un ricordo indelebile della mia infanzia è il famoso gioco dell’elastico.
Negli anni ’80, con le mie amiche, trascorrevo interi pomeriggi a giocarci in cortile e, nella bella stagione, anche gli intervalli a scuola.
Sinceramente non ricordo bene i vari esercizi che dovevano essere eseguiti.
Agli ultimi, che erano quelli più difficili, raramente riuscivo ad arrivarci 🙂
Ci giocavi? Ti piaceva?
Gioco dellelastico anni '80 - disegno di Susanna Albini

Se si stanco di giocare con l’elastico, puoi stare ancora un po’ in cortile a giocare con la corda, a nascondino, ruba bandiera o al gioco della campana o mondo!

‪#‎giocodellelastico‬
‪#‎giochianni80‬
‪#‎anni80‬
‪#‎ipensieriniritrovatinellamiacartella‬

Così ho trascorso il pomeriggio del giovedì “grasso”

Il giovedì grasso è una giornata di grandi festeggiamenti, soprattutto per i bambini che amano il carnevale e si mascherano a scuola al mattino e che, tra sfilate e scherzi, trascorrono il pomeriggio con gli amici.

In questo pensierino di seconda elementare, descrivo la festa organizzata in un palazzetto dello sport a Fidenza a cui ero solita partecipare quando ero bambina.

Era una festa di carnevale molto sentita, tutto il paese partecipava: i bambini si divertivano nel pomeriggio e gli adulti si godevano una bella serata!

Sei pronto a trascorrere con me il giovedì grasso di tanti anni fa?

Ieri pomeriggio sono andata al palazzetto con mia mamma, mia sorella e mia cugina, mia zia.

Dopo ho ballato il ballo del qua qua con la Simona.

Sono andata a fare la sfilata con la Michela, la Marzia, la Monica e altre due bambine. Io e la Michela mentre andavamo giù ballavamo.

Certe volte andavo dalla mamma a riposare. Dopo sono scesa e ho visto l’Elisabetta e l’Isabella e ho fatto la sfilata con loro.

Mentre andavo a prendere i coriandoli un pagliaccio mi ha dato delle caramelle.

Alla sera siamo andate a casa e ci siamo fermate un po’ da mia zia. Io mi sono divertita molto.

Fidenza 19 febbraio 1982

Oggi ho pensato di partecipare alla sfilata, stando comodamente su un carro 🙂

Ti piace il mio travestimento? Sono del segno dei Pesci, ho scelto di rimanere in ambito marino 🙂

carnevale-giovedi-grasso-disegno-di-susanna-albini

Giovedì grasso - pensierino di seconda elementare di Susanna Albini

Giovedì grasso - pensierino di seconda elementare di Susanna Albini

Carnevale

Oggi pubblico il primissimo pensierino scritto in prima elementare, è proprio il primo in assoluto e riguarda il carnevale.

Più che un pensierino, sembra un monito :), ma, in effetti, è una considerazione da tener sempre a mente quando si pensa di fare qualche scherzo.

Ricordo di corse affannose tra le vie di Fidenza con la paura di essere aggredite da bande di ragazzi più grandi, armati di manganelli, che randellavano i più piccoli… che paura… con le mie amiche ci nascondevamo negli atri dei condomini in cerca di riparo… con il cuore che ci scoppiava in gola…

Un anno ho avuto la spiacevole esperienza di imbattermi in un bambino un po’ più grande di me che, armato di bomboletta spray di schiuma, mi ha rotto gli occhiali… Sono arrivata a casa con il timore di avere una bella sgridata a coronamento della giornata, ma, per fortuna, almeno quella me l’hanno risparmiata, ma mi hanno dovuto comprare un altro paio di occhiali.

Ero molto triste, mi sentivo in colpa per l’accaduto… per cui prima di fare qualsiasi scherzo pensiamoci bene:

Carnevale ogni scherzo vale. Ma il bambino non deve dimenticare che gli scherzi potrebbero far dispiacere a qualcuno.

Gli scherzi non devono causare fastidio, ma devono portare soltanto allegria.

Fidenza 20 febbraio 1981

Hai qualche scherzo divertente da raccontare? Scrivilo nei commenti, ma, se vuoi, puoi scrivere anche di qualche disavventura capitata proprio per carnevale 🙂

Carnevale - pensierino di prima elementare di Susanna Albini

#carnevale

#allegria

#scherzi

#ipensieriniritrovatinellamiacartella