Buona Pasqua

Ti auguro di trascorrere una Pasqua serena e anche divertente in compagnia delle persone a te più care.

Tanti auguri!

P.S. Nei prossimi giorni ti racconterò come la trascorrevo quando ero bambina 🙂

Annunci

Un anno di pensierini e ricordi

Un anno di blog I pensierini ritrovati nella mia cartella di Susanna Albini - un anno di pensieri e ricordi

Un anno fa non mi sarei mai aspettata di ritrovarmi a scrivere questo post.

Oggi è il primo compleanno de I pensierini ritrovati nella mia cartella e voglio rivivere il pomeriggio del 27 gennaio 2015…

Ricordo così come fosse ieri, l’emozione che provai pubblicando il mio primo pensierino.

Non sapevo proprio con quale iniziare, visto il corposo “repertorio” ritrovato, ed alla fine optai per questo semplice … Quando piove io…

Ero così agitata che non sapevo da che parte partire… Mi tremavano le mani…

L’idea di pubblicare delle sensazioni e dei ricordi così personali mi rendeva molto ansiosa, complice la possibilità di essere giudicata da tante persone.

Dopo aver dato l’invio alla pubblicazione mi sentii un po’ più rilassata, mi son detta: “Ormai quel che è fatto è fatto… Vada come vada”.

Devo ammettere che non mi sono mai pentita di aver schiacciato il tasto invio, da lì è iniziata una nuova avventura che ogni giorno mi mette alla prova e mi consente di conoscere tanto di me e delle persone che ho avuto modo di incontrare durante il cammino.

Ogni aneddoto che pubblico crea una scia di ricordi che è bello condividere e rivivere insieme, ognuno può descrivere le proprie vicissitudini di bambino, commentare con precisazioni e dettagli che arricchiscono i ricordi di ognuno.

E’ come scrivere un libro a tante mani e questa idea mi piace moltissimo.

Con tante persone che sono approdate tra i miei ricordi si è stretto un rapporto di amicizia, sembra di conoscerci da sempre!

Puoi leggere i miei pensierini per scoprire cosa mi ha spinto a pubblicarli e ad avventurarmi in questo nuovo mondo.

L’idea di aprire il blog si concretizzò in un’ora esatta, lasso di tempo che mi permise di leggere tre articoli, di cui uno su come pubblicare un blog, uno per poter scegliere il Cms e l’altro che non ricordo. Puoi s.

In un battibaleno scelsi il titolo del mio blog, senza valutare parole chiavi e SEO. Lo scelsi con il cuore, volevo solo che rispecchiasse le mie emozioni.

Non so neanche come riuscii a scrivere il primo “articolo”, considerando che WordPress non l’avevo mai visto e tanto meno usato.

In questo anno ho dovuto imparare molte cose nuove e mi sto rendendo conto che tante altre non le ho ancora scoperte.

Ad un certo punto ho contattato un web master, perché volevo farmi spiegare un po’ di nozioni e sapere i costi di alcune modifiche che avrei voluto fare al sito e, per tutta risposta, mi sono sentita dire: “Ti costa meno dirmi le modifiche che vuoi così te le faccio e se non vanno bene o non ti piacciono, le cambi tu…!”. “Peccato che io non sappia fare le modifiche, altrimenti non ti avrei contattato…”; comunque io procedo e cercherò di migliorare strada facendo.

Ora è arrivato il momento di festeggiare il primo anno de I pensierini ritrovati nella mia cartella con una bella fetta di torta e mi auguro di poter continuare a condividere e a far affiorare piacevoli ricordi.

Ti ringrazio per aver letto tutto l’articolo e l’affetto che mi dimostri, spero che continuerai a seguire le mie avventure:)

A presto!

Susanna

P.S.

Ricordati di osservare il mondo con gli occhi e lo stupore di un bambino!

torta del primo compleanno de I pensierini ritrovati nella mia cartella - blog di Susanna Albini

#ipensieriniritrovatinellamiacartella

Forza nonno!

Oggi voglio condividere questo pensierino dedicato a mio nonno scritto in seconda elementare.

Il mio nonno ha trascorso le varie tappe della vita.

Nell’infanzia era bambino, nella fanciullezza era fanciullo, nell’adolescenza era adolescente, nella giovinezza era giovane, nella maturità era uomo adulto.

Ora è una persona anziana, capace di fare tante cose, ma, soprattutto, è ricco di esperienza e di amore verso i suoi nipotini e verso tutti.

Fidenza, 11 gennaio 1982

Eh sì, è proprio vero, ora mio nonno ha più di 91 anni, di esperienza ne ha da vendere.

Ha vissuto per quasi un secolo, scampando alla guerra, alla cattura dei tedeschi, allo scoppio di una granata e alla fatica della vita da agricoltore (peccato che fumi da 80 anni…).

In questi giorni, purtroppo, non sta bene, per cui voglio incoraggiarlo ricordandogli che ha già superato tante battaglie, tra cui anche la guerra, e che può superare anche questa.

Forza nonno, sei una roccia, ricordati che devi arrivare a compiere 100 anni e non manca poi così tanto!

Mio nonno - autodettato - pensierino di seconda elementare di Susanna Albini

#nonno

#famiglia

#ipensieriniritrovatinellamiacartella

L’anno nuovo

Con questa bella poesia di Rodari inauguro il nuovo anno.

Spero sia di buon auspicio per spronarci a fare del nostro meglio e per impegnarci al massimo ad essere artefici del nostro destino.

Qual è il tuo proposito per il nuovo anno?

Il mio personale augurio che ti faccio è che, nel nuovo anno, possa vivere tutti i giorni come se fossero identici, nel senso di riuscire a fare sempre quello che ti piace, senza l’ansia del lunedì e che non sentirai più la necessità di dover andare in vacanza, perché è come se lo fossi già ogni giorno 🙂
L'anno nuovo - poesia di Gianni Rodari

#annonuovo

#buonanno

#rodari

#lannonuovo

#poesia

#ipensieriniritrovatinellamiacartella

Tanti auguri di Buon Anno!

Ti anticipo gli auguri di Buon Anno, visto che non so dove sarò domani:)

Per tutto il 2017 ricordati di:

BALLARE come se nessuno ti stesse guardando,

CANTARE come se nessuno ti stesse ascoltando,

AMARE come se non ti fossi mai ferito

e VIVERE come se il paradiso fosse sulla terra.

[Mark Twain]

Auguri di Buon Anno 2017 di Susanna Albini - https://ipensieriniritrovatinellamiacartella.wordpress.com

#happynewyear

#buonanno

#buon2017

#annonuovo

#tantiauguri

#ipensieriniritrovatinellamiacartella

Il presepe di Fidenza

L’altro giorno ho raccontato che quando ero bambina andavo sempre a vedere i presepi nelle varie chiese di Fidenza con i miei genitori e che il più bello era quasi sempre quello che si poteva ammirare nella chiesa dei Frati Cappuccini.

Per un bambino era enorme, sembrava proprio di potersi immergere tra le statuine, camminare nelle stradine ghiaiate e vedere i vari personaggi intenti nelle loro lavorazioni: il fabbro che batteva il ferro, il fornaio intento a cuocere il pane, la sarta seduta a rammendare, la lavandaia al pozzo a fare il bucato… Spesso c’era anche il ruscello che movimentava la pala di un mulino ad acqua.

Lo scenario di fondo cambiava illuminazione per simulare lo scorrere del tempo della giornata.

Oggi ho ripetuto la tradizione e sono andata a vederlo. Devo ammettere che oggi non ho visto movimentazioni dei personaggi, ma comunque è sempre molto grande e curato nei dettagli.

Eccone alcune immagini!

#presepe

#natale

#buonnatale

#fidenza

#ipensieriniritrovatinellamiacartella